Thinking in / Making of. La cura delle idee.

DESCRIZIONE DEL CORSO

ll Corso affronta tutti gli argomenti necessari a conoscere l’attività di organizzazione di eventi culturali, sia nel settore pubblico che privato, dalla progettazione strategica all’attuazione pratica del progetto. Il Corso supporta gli studenti nella messa in pratica di strategie di valorizzazione di beni e risorse con particolare riferimento all’ambito dell’Arte Contemporanea e alla gestione dei grandi eventi espositivi. Testimonianze, case history, studio degli aspetti pratici e programmatici del lavoro saranno parte sostanziale delle lezioni.
Nella prima parte si fornisce una breve introduzione teorica utile all’inquadramento dell’argomento: che cos’è e quando nasce il concetto di grande evento, il quadro storico (salon, expo universelle, fiera)
Nella seconda si affrontano una serie di passaggi strumentali, come la scelta e la ricerca della location, la stesura del piano di fattibilità e del piano di produzione, la creazione e l’analisi del budget, il marketing, le sponsorizzazioni e la raccolta fondi.
Nella parte finale del corso la classe viene trasformata in un team di lavoro. Ognuno sarà chiamato a svolgere un compito specifico nella missione comune di organizzare e realizzare in tutte le sue fasi una delle proposte elaborate dai partecipanti: dalla progettazione alla ricerca delle risorse economiche, dalla comunicazione alla mediazione culturale.

INFORMAZIONI GENERALI

Tipologia corso: Gruppo
Partecipanti: Min 8 / Max 20
Inizio/fine corso: da definire
Scadenza iscrizioni: da definire

Durata: 60 h (12 lezioni da 3 h ognuna + 3 incontri fuori sede di 8 h ciascuno)
Costo: 1.050,00 euro compresa IVA
Requisiti/supporti: conoscenza base della scena artistico culturale contemporanea
Lingua: Italiano
Docenti: Francesca Campli, Marta Silvi
Sede RUFA: Via degli Ausoni, 7a – Roma


SEDE, PERIODO, GIORNI ED ORARI

da definire

PROGRAMMA DEL CORSO

Finalità: Obiettivo principale è quello di acquisire gli strumenti utili a pianificare e realizzare un evento in grado di promuovere un progetto artistico. Allo stesso tempo a elaborare una adeguata presentazione della propria specifica figura professionale, delle proprie capacità e del proprio operato così da renderla incisiva nella presentazione a un ipotetico committente.
La necessità di questo corso nasce dal presupposto che il mercato del lavoro oggi richieda competenze sempre più esclusive che rischiano di trascurare l’esercizio all’auto-organizzazione e al lavoro in team. Chi si occupa di cultura e creatività oggi è un self made man: non solo deve saper formulare un prodotto efficace, originale e di ricerca, ma anche essere in grado di presentare e proporre il proprio lavoro, di considerare progetti più ampi nei quali inserirlo, tenendo sempre presente la tipologia di interlocutore che avrà di fronte.

INTRODUZIONE TEORICA
Lezione 1: Che cos’è un Grande Evento/ Quando nasce il concetto di Grande Evento/ Come si organizza un Grande Evento/Storia dei grandi eventi: salon, expo universelle, fiera.

Lezione 2: Analisi di un festival (l’esempio dei Festival di musica elettronica: Spring Attitude a Roma e Dancity Festival a Foligno) / Analisi di una mostra sui generis: Straperetana a Pereto (AQ).
Ospite: Paola Capata, galleria Monitor, Roma.

Lezione 3: Presentazione del proprio lavoro e dei personal skills: preparazione e costruzione del proprio curriculum visivo, ovvero un portfolio in grado di riunire e veicolare al meglio i lavori, le esperienze, le capacità e le competenze maturate fino a quel momento: reperimento materiale (cv, foto, didascalie, contenuti) utile alla presentazione.
Elaborazione del proprio portfolio su programma Indesign.

Lezione 4: Analisi di una fiera di arte contemporanea (Artissima, Torino)/ Analisi di una Biennale (Fondazione Biennale di Venezia e Manifesta)

LEZIONE INTENSIVA FUORI SEDE (da verificare la meta)

STRUMENTI DI LAVORO
Lezione 5: L’evento come sistema di comunicazione totale: comunicazione prima, durante e dopo un evento/ L’ufficio stampa: mansioni pratiche.
Ospite Marta Colombo, ufficio stampa Accademia di Francia Villa Medici.

Lezione 6: Il Business Plan/ Sponsorizzazioni e Fund Raising.
Ospite: Melissa Giacchi, architetto, ex Presidente Dancity Festival Foligno.

Lezione 7: Ricerca fondi attraverso bandi italiani ed europei (San Paolo IMI, Cariplo, ecc.). Vademecum degli adempimenti fiscali e di sicurezza nell’organizzazione degli eventi/ L’assicurazione di oggetti e persone.
Ospite: Flavio Misciattelli, Presidente Pastificio Cerere.

Lezione 8: Come accogliere il pubblico e renderlo parte dell’evento stesso: attività di mediazione culturale per varie fasce e tipologie di pubblico.
Approfondimento: Progettazione di percorsi specifici per i visitatori.

LEZIONE INTENSIVA FUORI SEDE: Studio di un quadro aggiornato della cultura gestionale di un evento culturale: Il Project Management.
Incontro con Cristiana Perrella, Direttrice Centro Pecci, Prato.

ESPERIENZA SUL CAMPO
Lezione 9: Pianificazione da parte di ogni studente di un progetto per un evento culturale. Ognuno di loro potrà spaziare e impostare il proprio progetto nel settore che più gli è affine per curriculum e per formazione.

Lezione 10: Presentazione in classe delle idee progettuali di ciascuno studente.
Selezione di uno tra progetti presentati (da parte di una giuria di professionisti tra quelli incontrati nelle lezioni precedenti) e formazione di un team di lavoro, suddividendo tra gli studenti i diversi ruoli necessari per sviluppare e realizzare l’evento selezionato.
Pianificazione e lavoro in team del progetto finale.

LEZIONE INTENSIVA FUORI SEDE: (da verificare la meta)

Lezione 11: Pianificazione e lavoro in team del progetto finale: comunicazione dell’evento (social network e rete)

Lezione 12: Allestimento nel Rufa Space del progetto mostra finale e presentazione del lavoro da parte degli studenti.

MOSTRA FINALE PRESSO IL RUFA SPACE

DOCENTI

FRANCESCA CAMPLI: Vive e lavora a Roma. Educatrice e critica d’arte, dopo le prime esperienze lavorative nel settore curatoriale, affiancando curatori indipendenti o all’interno di istituzioni (dal Duemila partecipa all’organizzazione di festival e mostre, nel 2008 lavora nel dipartimento curatoriale della Fondazione Sandretto Re Rebaudengo di Torino), si avvicina all’ambito dell’educazione e della mediazione artistica. Dopo una formazione come educational manager presso Cittadellarte Fondazione Pistoletto, oggi collabora per ideare e realizzare progetti educativi in gallerie, fondazioni e musei, ma anche in librerie e in occasione di festival. Collabora con case editrici specializzate (ELSE edizioni, Les cerises) realizzando attività creative che stimolano i lettori verso una più consapevole fruizione del testo e dell’immagine. Ha partecipato a corsi di formazione nel settore dell’educazione all’arte e sviluppato un modulo d’insegnamento in questa materia all’interno del Master per Curatori di mostre ed eventi allo IED di Roma (2016-2017). L’interesse per un sempre rinnovato e prolifico dialogo tra il pubblico e l’arte si riscontra anche nella rubrica, Quando l’arte incontra l’altro, che cura per il webmagazine artapartofculture.net. Queste tematiche sono anche alla base delle attività di mediazione e organizzazione di eventi culturali realizzate tra il 2013-2015 a Roma in collaborazione con l’Associazione Zip_Zone d’Intersezione Positiva, della quale è co-fondatrice.

MARTA SILVI: Vive e lavora a Roma. Laureata in Storia dell’Arte Contemporanea presso l’Università “Sapienza” di Roma, ha conseguito il Dottorato di Ricerca in Storia delle Arti Visive e dello Spettacolo presso l’Università di Pisa con una tesi sul reimpiego delle immagini in movimento. E’ curatrice indipendente e critica d’arte. Regular contributor per Artforum e Flash Art Italia; collabora inoltre con Arte e Critica, Artribune, ATP Diary, Look Lateral. Nel 2007 è stata finalista alla II Edizione del Premio Nazionale DARC MAXXI per la storia e la critica dell’arte italiana contemporanea. Tra il 2008 e il 2012 è stata co-direttrice della galleria Monitor a Roma. Ha contribuito a pubblicazioni universitarie internazionali e ha partecipato al libro Cinema d’Artista di Maria Rosa Sossai, Silvana Editoriale, 2009. Dal 2015 è tra i promotori del premio Dancity Open Call. Dal 2016 è docente del corso Organizzazione Grandi Eventi e Organizzazione e Marketing Eventi Espositivi presso l’Accademia di Belle Arti di Roma. E’stata assistente prima e curatrice poi, per diverse mostre in Italia e all’estero. Ha curato, tra le mostre più recenti, On the Tip of My Tongue (Gabriele De Santis, Stanislao Di Giugno, Simone Pappalardo, Ruth Proctor, Bernardo Vercelli / Quiet Ensemble, Alice Schivardi, Angela Zurlo), Palazzo Trinci, 2014; Nico Vascellari, Lum, Ex-Chiesa Santa Maria di Betlem, 2014; La Solitudine dei Monumenti (Tomaso De Luca, Stefano Emili, Gabriele Porta, Matteo Fato), Palazzo Candiotti, 2016; Nicola Samorì, CIAC, 2016, tutte a Foligno. Nel 2014 e, nel 2017 insieme a Carla Capodimonti, ha curato la sezione Arti Visive per il Dancity Festival di Foligno, presentando mostre, performance, talk e progetti speciali (Nico Vascellari, 2014 Claire Fontaine, 2017).

AGEVOLAZIONI

Studenti RUFA: Sconto sul corso prescelto pari al 10%
Studenti Universitari: Sconto sul corso prescelto pari al 5% (Previa esibizione del libretto universitario)
Pacchetto corsi: Per coloro che si iscriveranno a due o più corsi, verrà applicato uno sconto del 10% sull’acquisto dei corsi successivi al primo.
*La formula early bird non è cumulabile con altre agevolazioni promosse

Alla fine del corso, su richiesta, verrà rilasciato un attestato di frequenza a coloro che avranno svolto almeno 50 ore di lezione.

INFO & ISCRIZIONI:
corsibrevi@unirufa.it | +39 06.85865917 | +39 06.85355862