Our Trash

对不起,此内容只适用于意大利文美式英文。 For the sake of viewer convenience, the content is shown below in this site default language. You may click one of the links to switch the site language to another available language.

In mostra alla Triennale di Milano il nuovo lavoro di Francesca Leone

Diciannove grate in alluminio, in cui sono intrappolati rifiuti urbani e domestici di piccole dimensioni, scarti del quotidiano, storie di tutti i giorni, vengono recuperate da Francesca Leone e assemblate in un’unica installazione. Our Trash, questo è il titolo del lavoro che l’artista romana, ex studentessa RUFA di pittura, presenta dall’8 al 18 ottobre alla Triennale di Milano, sotto la curatela di Ermanno Tedeschi. Un progetto inedito, risultato di una ricerca dedicata ai temi dell’ambiente e dell’ecosistema, realizzato con il contributo inconsapevole di centinaia di persone che hanno sparso per le strade rifiuti e oggetti, cristallizzati poi nelle grate come testimonianze del loro passaggio. «L’essere umano senza la natura non può esistere, il nostro dovere è rispettarla – spiega Tedeschi – ci sono molti modi per trasmettere questo pensiero e Francesca Leone lo fa ineccepibilmente attraverso l’arte, realizzando un’opera unica che appaga l’occhio e contemporaneamente stimola il pensiero». Il progetto ha ottenuto il sostegno e il patrocinio di Robert F. Kennedy Human Rights Europe e di laFondazioneNY.

Sito Triennale