Mediterranea 17

对不起,此内容只适用于意大利文美式英文。 For the sake of viewer convenience, the content is shown below in this site default language. You may click one of the links to switch the site language to another available language.

Al via la Biennale dedicata ai giovani artisti, quest’anno il concept è No food’s land

Inaugura il 22 ottobre alle 18:00 Mediterranea 17 Biennale giovani artisti, un progetto nato nel 1985 dal network internazionale Bjcem. Un progetto possibile grazie a istituzioni e organizzazioni indipendenti che supportano i giovani artisti nel loro processo di apprendimento e li incoraggiano a produrre e mostrare i loro lavori. La sede della Biennale è la Fabbrica del Vapore, in via Procaccini 4, i cui spazi ospiteranno fino al 25 ottobre le opere di oltre 300 artisti internazionali, abbracciando le discipline di arti visive, cinema, scrittura, performance, musica, design, moda e cucina.
Il concept della rassegna quest’anno è No food’s land, ideato da Andrea Bruciati, che si inserisce all’interno del discorso critico iniziato da Expo 2015 e che si riflette anche nell’allestimento di Mediterranea, dando al visitatore la sensazione di trovarsi all’interno di un organismo. “Mi piaceva creare un’analogia – ha spiegato Bruciati – fra processo digestivo e percorso creativo”.
Tra gli artisti, selezionati da una giuria nazionale di esperti, ci sono anche gli studenti Rufa delle classi ex 1A e B di graphic design. Inoltre, grazie a un’iniziativa della Biennale in collaborazione con l’Accademia, è già partito un Workshop, con il supporto del docente di visual design Enrico Parisio che, per l’occasione, ha deciso di far partecipare alla rassegna milanese gli studenti Jessica Ranieri e Gianmarco Principi, giovani illustratori al terzo anno di formazione.