05.06.2019
Via Merulana, 244

Event type

  • Conferenze

RUFA Contest 2019, special star David LaChapelle

对不起,此内容只适用于意大利文美式英文。 For the sake of viewer convenience, the content is shown below in this site default language. You may click one of the links to switch the site language to another available language.

David LaChapelle: unico, dallo stile post – pop e surreale, iconico e irriverente, differente dagli altri in quanto portatore di un’identità marcata e mai banale.
Un artista poliedrico che si esprime nel rapporto con l’immagine, trasmettendo il proprio pensiero in maniera netta e determinata. È lui la “special star” del RUFA Contest 2019 che avrà luogo mercoledì 5 giugno al Teatro Brancaccio alle ore 19, in via Merulana a Roma. Le opere di David LaChapelle sono presenti in numerose importanti collezioni pubbliche e private, tra le quali il Musée d’Orsay di Parigi, il Brooklyn Museum di New York, il Museum of Contemporary Art di Taipei, il Tel Aviv Museum of Art a Tel Aviv, il Los Angeles County Museum of Art a Los Angeles, The National Portrait Gallery di Londra, il Fotographfiska Museet di Stoccolma ed il National Portrait Gallery a Washington DC.
Rispetto a qualche anno addietro ha scelto di essere meno stanziale: oggi vive e lavora negli studi sparsi tra Los Angeles e le Hawaii: tra colore ed ordine, inversi ed opposti che in questo caso convergono.

“La Divina estetica” è il tema sul quale i 25 studenti RUFA – Rome University of Fine Arts, selezionati per il gran finale da una giuria che ha analizzato più di 100 proposte progettuali, sono chiamati a confrontarsi per foraggiare, ancora una volta, quella visione di contemporaneità che solo il RUFA Contest è in grado di emanare. Un’attitudine testimoniata dal livello elevatissimo degli ospiti che hanno reso uniche le serate – evento che concludono, di anno in anno, questa importante esperienza cognitiva: Stefan Sagmeister nel 2015, Karim Rashid nel 2016, Francis Kéré nel 2017 e Shirin Neshat nel 2018.

Le novità del RUFA Contest 2019, la quinta, non sono poche. In primis la nuova location: il Teatro Brancaccio. Considerato storicamente il teatro della capitale, ha accolto gli artisti più grandi, adeguandosi ai tempi. E poi i contenuti: il RUFA Contest è pronto a declinare “le caleidoscopiche espressioni dell’intelletto, dei nuovi media e dei linguaggi” sotto le forme più svariate, inserendosi perfettamente nei percorsi di studio che l’Accademia di Belle Arti, legalmente riconosciuta dal Miur, è oggi in grado garantire, a venti anni esatti di distanza dalla fondazione.
Da questo punto di vista il RUFA Contest, sotto la guida dell’ideatore e direttore artistico Emanuele Cappelli, è un ponte di collegamento tra l’alta formazione e le professioni creative. Un’opportunità che RUFA – Rome University of Fine Arts apre gratuitamente anche all’esterno, considerato che per intervenire allo show, in programma il prossimo 5 giugno al Teatro Brancaccio alle ore 19 è sufficiente prenotarsi, fino ad esaurimento posti.

Prenota il tuo posto