Ceramiche Rometti, una storia italiana

Alla Casina delle Civette l’azienda Rometti rende omaggio al designer Ambrogio Pozzi

Erano gli anni ‘90 quando il designer Ambrogio Pozzi inviava i suoi primi disegni all’azienda di ceramiche Rometti, marchio d’eccellenza del made in italy e dava avvio a una collaborazione intensa che sarebbe durata fino al 2012, anno della scomparsa dell’artista. Una collaborazione che è stata prima di tutto un rapporto di stima e fiducia, grazie al quale sono state poste le basi per un cambiamento stilistico, al passo con le nuove esigenze del mercato, ma allo stesso tempo caratterizzato da un gusto semplice e ed equilibrato, lontano dalla caducità delle mode. La mostra Una storia italiana: le ceramiche Rometti rendono omaggio al designer Ambrogio Pozzi, organizzata alla Casina delle Civette di Villa Torlonia dal 14 ottobre fino al 4 gennaio, vuole essere una celebrazione di questo vincolo creativo che ha riassunto in sé due anime, quella della produzione artistica e del design industriale. Curatori della mostra sono Nicoletta Giannoni e Massimo Monini, collezionista appassionato e imprenditore che nel 2010 ha rilevato le quote della fabbrica Rometti da Dino Finocchi. Sulla linea della conservazione delle tradizioni e, allo stesso tempo, nell’ottica di promuovere progetti originali e innovativi, due anni fa l’azienda ha istituito il Premio Rometti, rivolto agli studenti delle accademie artistiche e degli istituti di design. L’iniziativa offre ai giovani creativi la possibilità di essere selezionati attraverso un bando di concorso per effettuare uno stage alla sede della manifattura a Umbertide, in terra umbra, durante il quale sono chiamati a realizzare un lavoro originale in ceramica. Quest’anno, durante la cerimonia del 20 settembre, è stato premiato uno studente dell’accademia Rufa, Jurgen Janku, il cui progetto è stato scelto dalla stilista e designer francese Chantal Thomass e verrà messo in produzione con un regolare contratto di royalty.

Sito Musei Villa Torlonia