Pittura e Scultura

La mostra di Antonella Romano al Teatro Tordinona

RUFA – Rome University of Fine Arts ha aderito come partner romano alla Giornata Mondiale contro la Violenza sulle Donne. Diventa sempre più forte la voce che reclama uno stop all’emergenza sociale dei femminicidi. Tanti gli appuntamenti che si rinnovano in diverse città italiane collegati al Wall of Dolls, l’installazione artistica creata dalla cantante Jo Squillo a Milano, cinque anni fa e divenuta simbolo contro i femminicidi e la violenza di genere.

In questa occasione, insieme alle altre attività artistiche realizzate da RUFA, la studentessa Antonella Romano esporrà la sua mostra “Toys” all’interno del Teatro Tordinona. La location, ovviamente non è casuale: accanto all’ingresso del teatro, in via degli Acquasparta, è collocato il “Muro delle bambole”. L’installazione, inaugurata nel 2017, riprende un’antica tradizione indiana: ogni volta che una donna subisce violenza una bambola viene affissa sul muro, dando così forma e sostanza a una riflessione sugli effetti devastanti del femminicidio.

Antonella Romano presenterà tre diverse opere: “Nudo sdraiato” olio su tela, “Due figure” olio e pastelli a olio su tela, “Toys” olio e pastelli a olio su tela, rappresentando così un percorso formativo certamente poliedrico e diversificato. Dopo essersi laureata in relazioni internazionali e law and economics, la giovane pittrice ha frequentato l’atelier di Alberto Parres e ha proseguito lo studio delle arti visive in RUFA – Rome University of Fine Arts, con particolare attenzione al figurativo. Il suo lavoro è segnato da un forte interesse per gli studi sociali e si concentra, in particolare, sul rapporto individuo-contesto e sullo sviluppo della società attorno al soggetto. L’interesse, da questo punto di vista, si colloca sulla definizione di identità, di come essa sia influenzata dal contesto sociale, politico ed economico.

In questo suo progredire la presenza nell’ambito di una ricorrenza così significativa per l’universo femminile per l’umanità in genere riveste una rilevante importanza. La mostra sarà aperta dal 18 al 25 novembre dalle ore 18.00 a chiusura dello spettacolo, ingresso libero.