Sacha Turchi

Class of: 1988
Nationality: Italiana | Italian
Degree course: Fine Arts - Scultura | Sculpture

Disculpa, pero esta entrada está disponible sólo en Italiano y Inglés Estadounidense.

 
Sacha Turchi. Artista Visiva. Nasce a Roma nel 1988. I temi che tratta sono legati all’essere umano e alla sua evoluzione nell’ambito sociale, culturale e personale. I suoi progetti sono alimentati dal confronto con Scienziati, Dottori e Psicologi. Nella sua carriera espone in molte gallerie in Italia e all’estero, arrivando ad avere molte pubblicazioni all’interno di riviste d’arte specializzate. L’indagine concettuale viaggia in parallelo alla ricerca materica legata a bio-materiali di sua invenzione, che diviene centrale in tutte le sue Opere. Tratta temi legati al corpo, dal punto di vista chimico e motorio, che diviene metafora e simbolo cardine della sua forma stilistica. Sin dagli albori la sua indagine concettuale è incentrata maggiormente sulla figura della donna, dal concetto del tramandare generazionale, allo sviluppo culturale e famigliare di essa. Negli ultimi anni si dedica alla scrittura, in cui emergono i temi della sua ricerca e i punti salienti della sua indagine.
 

Censo-Sacha. La rappresentazione dell’individuo

Sacha Turchi ha presentato un corpus di opere dal titolo Censo. Si tratta di lavori che ruotano attorno al concetto di individuo, che ne indagano l’equilibrio interno e ne studiano i rapporti con il mondo. L’individuo viene presentato come il risultato di una trasmissione di sostanza e di esperienza che deriva da chi è vissuto prima in scala temporale. Un nucleo familiare si arricchisce con i suoi schemi prestabiliti, come le piante che seguono il loro corso di sviluppo, che nascono da un seme e producono un frutto, così legate alle loro genitrici ma anche così indipendenti. L’esistenza dell’individuo ha a che fare con le forme di energia sedimentate al proprio interno e con le sue relazioni nel mondo esterno.

Nel progetto di tesi della studentessa le alchimie danno luogo a un corallo artificiale, che riveste panni intrecciati e aggrovigliati della cui primigenia morbidezza non rimane traccia. La giovane artista ha dato forma alla sua idea di individuo.