SIRENE.PODCAST – Suoni, seduzioni e malie del contemporaneo

Disculpa, pero esta entrada está disponible sólo en Italiano y Inglés Estadounidense.

Il progetto propone un nuovo modo di fruizione di tale mezzo, fungendo da portale per una diversa dimensione del suono e per le interrelazioni di quest’ultimo con i linguaggi artistici contemporanei.

Il nome del podcast – “SIRENE” – rimanda a due significati ben precisi: l’allarme della sirena, che in questo periodo di pandemia globale potrebbe aver riguardato molte persone, e le sirene che, con il suono delle loro voci, rappresentano la figura mitologica del fascino e dell’attrazione. Gli studenti del biennio in Multimedia arts and design (Mad), toccando temi di grande interesse e risonanza culturale, cureranno e produrranno tutti gli aspetti del progetto, sotto la direzione e la guida di Caterina Tomeo, storica dell’arte interessata particolarmente alla New media art e alla Sound art, ma anche ideatrice e fondatrice del corso Mad in RUFA. Contribuiscono alla realizzazione dell’esperienza: Adriana Aneiva-Guerra, Rosa D’Alessio, Daniele Falchi, Martina Carbone, Maria Gavrilova, Elisa Quadrini, Giulia Vietti, Consuelo Donati, Silvia Parolini, Simone Tecchia, Jacopo Bianchi, Gianmatteo Buttiglione, Francesca Dolgetta, Mirko Pelliccia.

Il podcast ospiterà una figura di spicco della scena internazionale in abbinamento a un giovane artista RUFA, e sarà lanciato sul sito dell’Accademia e su piattaforme come Spotify, diffondendo la “joie de vivre” alla comunità studentesca e a chiunque sia interessato a entrare in questa nuova dimensione. Gli episodi dureranno dai venti ai trenta minuti ciascuno, fornendo un punto di vista inedito, stimolando una profonda riflessione sull’impatto del suono nell’arte e nella vita quotidiana.
 

Ecco tutti i podcast SIRENE


Canto ancestrale iniziale con Alvin Curran

Caterina Tomeo e Daniele Falchi presentano Alvin Curran: figura storica nell’ambito della sperimentazione sonora. Democratico, irriverente e tradizionalmente sperimentale, Curran viaggia in un carro computerizzato, facendo musica per ogni occasione e servendosi di qualsiasi fenomeno sonoro. I suoi lavori (oltre 200) includono suoni registrati/campionati di elementi naturali, pianoforti, sintetizzatori, computer, violini, percussioni, shofar, corni di navi, fisarmoniche e cori.

Il suono come strumento per indagare l’Inter-regno tra vecchie pratiche e nuove forme espressive – Francesco Fonassi

Caterina Tomeo e Daniele Falchi presentano Francesco Fonassi: artista, ricercatore sonoro e musicista italiano che opera nel campo dei live media, dell’arte contemporanea, della transmission art e della musica sperimentale. Il suo lavoro agisce sulle dinamiche della percezione, costringendo la realtà a scontrarsi con i dispositivi di separazione e interazione che sono impliciti ed esprimono un sentimento generale. Fonassi disegna lo spazio per una moltitudine di soggetti non più passivi, percettivi e percepiti, suscettibili di sviluppare modalità di tenuta e resistenza all’inclusione in un insieme autosufficiente, sia esso acustico o sociale».

 


Interconnessioni rizomatiche nel fondale elettronico con BitNet01

Le studentesse Consuelo Donati e Silvia Parolini presentano BitNet01, proseguendo il viaggio di SIRENE.PODCAST con un giovane collettivo italiano formato da nativi digitali alla ricerca di nuove vie di creatività multimediali e interdisciplinari, di cui loro due fanno parte.
“BitNet01 nasce alla fine del 2018 dall’idea di alcuni studenti, musicisti, makers, programmatori e creatori di immagini alla ricerca di una forma collettiva di espressione artistica. Siamo nativi/e digitali che si sono uniti/e per organizzare momenti di auto-formazione e fruizione di perfomances che rientrano nella sfera della new media art. A gennaio 2019 e 2020 abbiamo organizzato per due edizioni un festival per ricercare nuove vie di creatività multimediali e interdisciplinari, riunendo persone di diversa provenienza in un’atmosfera di scambio creativa e collaborativa.”

Pensieri fluidi sull’intelligenza artificiale con Daniela Cotimbo

Martina Carbone e Adriana Aneiva Guerra presentano Daniela Cotimbo: una curatrice italiana che ridefinisce la curatela d’arte integrando intelligenza artificiale e suono per indagare la relazione tra visitatori, artista e opera d’arte. Daniela Cotimbo è una storica dell’arte e curatrice con sede a Roma. La sua ricerca si focalizza su temi attuali indagati attraverso diversi media espressivi, in particolare le nuove tecnologie. Recentemente ha fondato e curato il Re:Humanism Art Prize, dedicato al rapporto tra arte e intelligenza artificiale. Daniela ha curato mostre in diverse gallerie e musei e collabora a numerose riviste di arte contemporanea, come Inside Art, Artribune e Arte e Critica. Inoltre, è Presidente della neonata Associazione Culturale Re:Humanism”.

 

Event type

  • RUFA Culture

Featured for:

  • Multimedia arts and design