Didattica

La Cina è vicina

La Cina è davvero sempre più vicina all’Italia, anche dal punto di vista artistico. Un rapporto culturale antico, quello tra i due paesi, segnato dai famosi viaggi di Marco Polo e Matteo Ricci, e che oggi si sta rafforzando sempre di più come dimostrano i tantissimi studenti cinesi che decidono di venire a studiare arte contemporanea nelle nostre Accademie di Belle Arti, i molti artisti italiani che vengono invitati, sempre più spesso, a tenere lezioni e mostre nelle più importanti Università e città della Cina, e i molti artisti cinesi presenti nelle mostre e nei musei del nostro paese.

Uno scambio proficuo che oggi vede protagonista anche RUFA, con la mostra The Development of Chinese Ink Painting in the International Context. Questo appuntamento è il risultato di un workshop di alta formazione che si terrà nei giorni 26-27-28 novembre e che vedrà protagonista il maestro Wu Song, artista – presente nelle più importanti manifestazioni e istituzioni internazionali come la Biennale di Venezia e il British Museum – e docente del Sichuan Fine Arts Institute, che – con il supporto di alcuni suoi assistenti (studenti del biennio della Sichuan Fine Arts Institute: Jun Zhang, Xiaolin Xiang, Lulu Wang e Yi Li. ) – introdurrà i nostri studenti di arti visive all’uso della raffinata pittura a inchiostro cinese e alla sua storia millenaria. A una prima lezione di introduzione all’iconografia pittorica cinese, seguiranno due lezioni pratiche: la prima dedicata alla pittura dei fiori e dei paesaggi, la seconda alla calligrafia e al nudo. Il risultato di questo seminario intensivo sarà esposto nella mostra allestita negli spazi del Pastificio il 29 novembre, dalle 17.30 alle 20.00.

L’evento, che segna un importante e ulteriore momento di internazionalizzazione dell’Accademia, vede come Istituti coinvolti RUFA-Rome University of Fine Arts, Sichuan Fine Arts Institute ed anche la China-European Cultural Association.

La Cina è vicina