Filippo Gualazzi

Classe: 1993
Nazionalità: Italiana | Italian
Corso di laurea: Multimedia Arts and Design

 
Filippo Gualazzi ha conseguito il diploma accademico in Nuove Tecnologie dell’Arte presso l’Accademia di belle Arti di Urbino. Durante questo periodo ha intrapreso un percorso multidisciplinare che spazia tra grafica pubblicitaria, fotografia e videomaking. Nel 2013 si è iscritto presso l’Accademia musicale “ZeroCrossing”, dove ha frequentato un corso biennale in produzione di musica elettronica. Mondo dell’immagine e mondo del suono lo hanno spinto sempre di più a ricercare nuove forme espressive, così nel 2017 si è iscritto al corso di “Multimedia Arts&Design” presso la Rome University of Fine Arts, conseguendo la laurea magistrale a pieni voti nel febbraio del 2020. Il fulcro delle sue pratiche artistiche sono da sempre state fortemente influenzate e legate alla componente sonora, ponendosi come obiettivo quello di rendere tangibile e visibile il suono. Le sue conoscenze in produzione musicale hanno preso forma in diverse collaborazioni con musicisti e compositori, nelle quali si sono consolidate soprattutto le sue inclinazione verso le pratiche del video associato all’audio in real time. Alcuni progetti audiovisivi, nati soprattutto in ambito accademico, gli hanno dato la possibilità di partecipare a Festival di rilievo internazionale come “Matera Intermedia”, “UK Young artists”, “Blooming”, “Roma Europa” e “Biennale Musica di Venezia”. Attualmente collabora a diversi progetti con associazioni artistiche come Otolab, Umanesimo Artificiale e BitNet. Fondatore dello studio/collettivo Quadro Quantico, specializzato in Interaction design, scenografie virtuali e videomapping. Lavora in maniera stabile con lo studio creativo CABINAA di Milano.
 

Explora sotteranea

Explora Sotterranea tra luci e colori: uno spazio multimediale immersivo permanente per la prima infanzia (0-5 anni), le famiglie e le scuole (nido e infanzia).

Rinnova l’attuale “Percorso tattile” e il percorso scuole “Io e il colore”, con la realizzazione di 4 nuovi ambienti tematici dedicati alla teoria del colore, essenziale per relazionarsi con il mondo circostante. Il nuovo percorso sensoriale del Museo Explora integra sistemi tecnologici interattivi per far capire i comportamenti della luce e del colore, grazie a un’esperienza percettiva di facile intuizione con 5 istallazioni: 3 tecnico/informative – Luci e ombre, rifrazione della luce, Colori complementari, e 2 ludico/esperienziali – Suono e colore e Colore e suono.