Banner Orizzontale Studiolo a RUFA

Studiolo @ RUFA

Aperto a Milano nel Giugno 2010 in forma di project room, Studiolo è un progetto nato come compendio “emergent” del programma non-profit di Cabinet e, successivamente, trasformato in galleria vera e propria nel 2015.

 
Studiolo fonda il proprio statement su un perenne processo di scouting, rinunciando alla fissità della tradizionale formula della “scuderia di artisti” ma investendo sull’essere un incubatore più dinamico, a supporto di poche, selezionate, giovani personalità artistiche, spesso ai loro esordi o alla loro prima mostra italiana; un rapporto libero ma fondato su saldi rapporti professionali, spesso a lungo termine, che dopo i solo-shows vengono riattivati e rinnovati in base ad eventuali opportunità o esigenze progettuali.
Fino ad oggi sono state prodotte più di quaranta mostre, tra personali e group shows, residenze e progetti speciali – sia in galleria che off site – e coinvolti, ad oggi, circa cinquanta artisti, molti di loro, successivamente, coinvolti in progetti istituzionali o rappresentati da prestigiose gallerie all’estero.

Tra i giovani artisti convolti fino ad oggi: Henni Alftan, Amélie Bigard, Catherine Biocca, Adrian Bushmann, Federico Cantale, Guendalina Cerruti, Gianni Di Rosa, Julie Monot, Freya Douglas-Morris, Gaia Fugazza, Cecilia Granara, Charlotte Herzig, Melike Kara, Talisa Lallai, Lindsay Lawson, Alex Mackin Dolan, Mia Marfurt, Chaterine Parsonage, Jimmy Milani, Francesco Joao Scavarda, Yves Scherer, Lise Stoufflet, Henning Strassburger, Davide Stucchi, Tyra Tingleff, Niels Trannois, Amalia Ulman, Alina Vergnano, Alexander Wagner, Ilija Wyller, Isabel Yellin, Malte Zenses e molti altri.

Dalla Primavera 2021 Studiolo ha inoltre attivato un nuovo progetto ciclico e sperimentale dal nome Studiolo Lounge, dedicato al dialogo aperto tra le espressioni del design e dell’arte contemporanea e moderna; un progetto senza differenze di genere che abbraccia la creatività linguistica tutta, spingendo l’osservatore oltre i limiti temporali o di utilità. Nei primi due capitoli sono stati coinvolti artisti e designer – tra attivi e storicizzati – come Atelier Biagetti, Antonia Campi, Draga&Aurel, Gino De Dominicis, Chanan de Lange, Cagnaccio di San Pietro, Achille Funi, Fausto Melotti, Gio Ponti, Gastone Rinaldi, Mario Schifano, Ettore Sottsass, Daniel Spoerri e Marco Zanuso.

Dal 10 al 21 gennaio 2023, RUFA ospiterà nei suoi spazi del Pastificio Cerere, un group-show promosso e a cura di questo spazio Milanese che, concettualmente, ripercorrerà alcune tappe centrali del suo percorso espositivo; in mostra sette artisti, tra italiani e stranieri, selezionati da tre momenti temporali differenti: dal suo recente passato, dal suo programma presente ma anche da quello futuro, puntando lo sguardo un po’ più in là, verso le nuove generazioni.

 
Le opere di Giorgio Bernasconi (Milano, 1998), Amelie Bigard (1997, Lione), Isabel Yellin (New York, 1987), Cecilia Granara (Jeddah, 1991), Jimmy Milani (1995, Savigliano), Elda Miniero (Benevento, 1998) e Yves Sherer (Solothurn, 1987) ci mostreranno un vivido esempio della linea artistica che nel tempo ha contraddistinto, e contraddistinguerà, la programmazione di Studiolo.

Antonio Di Mino: Co-Fondatore, Direttore
Maria Chiara Valacchi: Co-Fondatore, Curatore
 

La mostra sarà visitabile fino a sabato 21 gennaio.

 

GUARDA LE FOTO DELL’OPENING

 

dal 10.01.2023 al 21.01.2023
Via degli Ausoni 7

Tipologia

  • RUFA Culture

Consigliato per:

  • Fine arts