电影与摄影

RUFA fino al prossimo 22 settembre la Scuola di Fotografia in mostra a Palazzo Braschi

对不起,此内容只适用于意大利文。 For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Da un lato piazza Navona, dall’altro l’accesso privilegiato a Campo de’ Fiori: simboli unici, tra architettura e storia, della città eterna. È questo lo scenario che accoglie Palazzo Braschi, in origine sede papale ed oggi agorà culturale del Museo di Roma.

Gli studenti RUFA della Scuola di Fotografia, coordinati dai docenti Alessandro Carpentieri, Stefano Compagnucci e Raffaele Simongini, sono parte attiva del progetto “Roma nella camera oscura”: una scelta di oltre 300 immagini che dagli esordi della fotografia giunge alla contemporaneità.
In questo percorso così articolato l’Accademia di Belle Arti legalmente riconosciuta dal Miur ha programmato un proprio spazio intitolato “Flâneur Roma”, allo scopo di conoscere la capitale da un punto di vista diverso e alternativo. Lo sguardo disinteressato aiuta a perdersi nelle strade, nelle piazze come in una foresta piena di simboli, passeggiando senza meta e catturare dettagli che, di solito, sfuggono perché travolti dalla frenetica quotidianità.
A compiere questo viaggio così insolito sospinti dai docenti, in una iterazione che genera arte e conoscenza: Martina Acanfora, Rachele Alessandrelli, Sareh Asgarian, Arianna Ciarimboli, Daniele Cimaglia, Niccolò Consolo, Antonio Cornacchia, Flavia Daniele, Angelo De Marchis, Eduardo De Matteis, Claudia Frisardi, Amparo Lavezzo, Paola Ledderucci, Denise Mazzarella, Noemi Montaleone, Alessia Mugnari, Federica Pace, Chiara Pellegrini, Asia Pierotti, Riccardo Pisetti, Arianna Santini , Francesca Santoro, Arianna Savo, Giovanna Scozzese, Vanessa Spirito, Angela Strano, Lorenzo Valle, Agnese Zingaretti.
La colonna sonora, invece, è stata realizzata montando suoni, tratti da you tube, di personaggi autorevoli del mondo dello spettacolo, dell’arte, della politica e del costume, che hanno rappresentato nel corso di mezzo secolo, tra vizi e virtù, la romanità: Federico Fellini, Anna Magnani, Pier Paolo Pasolini, Vittorio Gassman, Carlo Verdone, Ettore Petrolini, Achille Bonito Oliva, Giorgo de Chirico, Franco Simongini, Mario Schifano, Francesco Totti, Alvaro Vitali, Bombolo, Remo Remotti. E ancora le sequenze vocali tratte da “Ecce Bombo” di Nanni Moretti, “Lo chiamavano Jeeg Robot” di Gabriele Mainetti e “Non essere cattivo” di Claudio Caligari.