绘画和雕塑

“Solo Exhibition” venerdì 14 giugno il progetto di Giselle Cantonetti

对不起,此内容只适用于意大利文美式英文。 For the sake of viewer convenience, the content is shown below in this site default language. You may click one of the links to switch the site language to another available language.

“Il ricordo di ieri avviene oggi”. È questo il tema della mostra curata da Giselle Cantonetti ed inserita nel progetto “Solo Exhibition”: un piano generato dai docenti dei corsi di arti visive RUFA per mettere gli studenti di fronte alle problematiche che intervengono nella programmazione di un percorso espositivo. L’esperienza di Giselle Cantonetti, situata presso il RUFA Space in via degli Ausoni 7, verrà inaugurato venerdì 14 giugno alle 17.30.

«Oggi, domani e in tutti i nostri giorni e momenti – evidenziano le curatrici/studentesse Silvia Bottero e Carlotta De Martino – il ricordo ci insegue. Diventando un gioco per grandi e piccoli, di fronte all’inesorabilità dell’esistenza. È un momento passato, una parola fa, quel che rimane sottopelle.
Rincorrendoci, induce il nostro sguardo all’indietro, creando un rapporto con esso. Siamo grati, perché ricorda l’essere vivi. Disturbati, perché ripete che ci sarà una fine. La poetica artistica di Giselle Cantonetti, racconta di attimi trascorsi e, con premura, conservati. Che siano d’infanzia, appena avvenuti o momenti all’apparenza banali, il desiderio di mantenersi emerge con calma e delicatezza.

Tuttavia non pone l’accento solamente sul contenuto, ma sulla combinazione di quello che comporta e di quello che è. Risulta un “essere”, attraverso ogni fase del suo rendersi manifesto, memoria. Rendendoci in mano l’impatto di un sentimento, gioia o tristezza che sia, e della loro conseguente azione sul reale.

Creando un disturbo inerente alla perdita di esso, senza alcuna possibilità di poterlo rivivere, non trascurando lacrime o sorrisi che porta con sé. Il ricordo di ieri, avviene oggi è esperienza vana di una salvezza desiderata, talvolta agognata. Passeggiando tra materia, fasci di luce e colori, diventiamo ricordo, abbattendo i limiti dei contorni. Esso svanisce lì dove svaniamo noi. Oggi, o poco fa».