from 11.04.2013 to 8.06.2013
Corso Giacomo Matteotti, 41 61032 Fano

Event type

  • Mostre

Editto

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

EDITTO
mostra personale dello scultore romano Davide Orlandi Dormino

Giovedì 11 Aprile 2013 dalle ore 19:00 avrà luogo presso la 2.18 Gallery l’inaugurazione della personale dello scultore romano Davide Orlandi Dormino.
Per la prima volta uno scultore ospite in galleria e non è un caso si tratti di Dormino, solo un “folle portento della natura “ come lui poteva accettare la sfida e tentare di interpretare con soli 2, 5cm di profondità a disposizione la terza dimensione della 2.18 Gallery.
L’opera di Dormino, anche in questa circostanza pensata e prodotta appositamente per la galleria fanese ha il titolo potente ed evocativo di “ Editto “.
La scultura in ferro rappresenta la lama di una ghigliottina sulla quale è stata incisa la frase:

PER ESSERE FELICI BISOGNA ESSERE CORAGGIOSI.

La frase è una sorta di comandamento che viene da noi stessi, un dogma che ci imponiamo quando continuare a vivere come abbiamo fatto equivale a morire senza essere felici.
La ghigliottina uccide quella morte, decapita una testa, una mente pigra, malata perché incapace di scegliere.
Davide Dormino nasce a Udine nel 1973: è scultore e artista visivo. La sua ricerca si esprime attraverso il disegno come progetto per la scultura. Cerca nuove forme elaborando i sistemi arcaici della lavorazione della materia grezza, soprattutto il ferro. Dialoga con altre espressioni artistiche come la musica e la moda per alimentare continuamente il proprio lavoro. Si confronta con la dimensione, operando ad ogni scala che sia in grado di rappresentare l’idea e inserirla nel contenitore adatto. Opere piccole e grandi, materiali trasformati senza artificio ma adattati alla volontà di interpretare lo spirito, senza tempo, del racconto di un evento o del proprio stato d’animo di artista contemporaneo. Come “Breath” il Monumento ad Haiti realizzato ad un anno dalla catastrofe, per incarico delle Nazioni Unite, o come il ritratto del fotografo Fabrizio Ferri all’interno della Mostra Un’Ita Italian Artists in New York. Lavora tra Roma e Milano ed insegna Scultura alla RUFA, Rome University of Fine Arts.
2.18 Gallery é un’idea di Tommaso Mei e di Andrea Belacchi. Nasce dalla necessità di esprimersi, confrontarsi, produrre ed ospitare arte.Nasce dall’esigenza di rispondere alla domanda: quanto spazio serve per le idee?
2.18 è una galleria di artecontemporanea di 114×64 cm, che gioca sul concetto della trasformazione, inizia con il cambiamento dello spazio di una bacheca commerciale in uno spazio d’arte, fino a mutare l’utilizzo stesso del termine galleria ,che, in questo caso, indica uno spazio insolito che impone la riduzione spaziale come campo d’azione su cui intervenire.

Photo Gallery