from 26.01.2013 to 26.01.2013
Via IV Novembre, 0 00187 Roma

Event type

  • Mostre

Sanpietrini e tetti. Solveig Cogliani incontra Villa Altieri

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

SANPIETRINI E TETTI. SOLVEIG COGLIANI INCONTRA VILLA ALTIERI.
a cura di Luca Beatrice

“Il 19 dicembre a Villa Altieri. Il Palazzo delle Culture e della Memoria Storica, sarà inaugurata la mostra Sanpietrini e Tetti. Solveig Cogliani incontra Villa Altieri, una rassegna di opere di Solveig Cogliani.
La mostra, che proseguirà fino al 26 gennaio, è il primo evento culturale ospitato a Villa Altieri. Lo scorso 27 novembre alla presenza del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano il Presidente della Provincia di Roma Nicola Zingaretti ha presentato in anteprima i risultati del lavoro di recupero della villa promossi dall’Amministrazione provinciale… Il Palazzo delle Culture e della Memoria Storica diventerà così un nuovo polo di riferimento per la vita culturale della città e del quartiere Esquilino: un luogo di incontro e di dialogo dove l’eredità del passato sia una risorsa per immaginare e per rispondere alle esigenze della città del presente e del futuro.

Le opere di Solveig Cogliani interpretano perfettamente questa volontà.
La pittrice di origine siciliane, infatti, ha da sempre avuto il motivo dell’“incontro” al centro della sua arte. Non a caso gli inizi del suo percorso sono segnati dall’intreccio tra forme artistiche differenti, essendosi dedicata con successo alla pittura e alla scrittura e avendo sperimentato, grazie alla frequentazione di artisti di generazione e formazione diversa, vari materiali e linguaggi figurativi. Questa fertile ricerca l’ha progressivamente portata alla scoperta di emozionati contaminazioni culturali e delle linee tangenziali della realtà, come ben illustra l’affascinante rassegna “Sanpietrini e Tetti” che Villa Altieri ospita. Qui Cogliani coglie i segni e le insorgenze più forti e suggestive del quartiere dell’Esquilino interpretandoli nella nuova dimensione del presente.”