Lo chiamavano Jeeg Robot, RUFA incontra Gabriele Mainetti

Mercoledì 23 marzo il regista viene in Accademia dalle 15 alle 17 per presentare il suo film agli studenti

Il film “Lo chiamavano Jeeg Robot” sta diventando un vero e proprio cult. Pubblico e critica lo hanno definitivamente consacrato come una delle più interessanti uscite della stagione. Per questo l’Accademia RUFA si è fatta trovare in prima linea e ha organizzato un incontro con il regista Gabriele Mainetti, mercoledì 23 marzo in Aula Magna (via Taro, 14) dalle 15 alle 17, con l’introduzione del docente Pietro Ciccotti. Mainetti si è introdotto nel mondo del cinema laureandosi in Storia e critica del cinema a Roma Tre ed esordendo inizialmente come attore (Il cielo in una stanza, Un altro anno e poi cresco). Si è poi cimentato con la regia, diventando uno dei più promettenti giovani cineasti italiani. Ha girato molti corti, tra cui i più celebri sono “Basette” (con Valerio Mastandrea, Marco Giallini, Daniele Liotti e Luisa Ranieri) che è approdato al Festival di Locarno e ha vinto anche il premio miglior cortometraggio al Festival del corto La 25esima ora, e “Tiger Boy”, vincitore del Nastro d’argento 2013 come migliore cortometraggio e finalista al David di Donatello.
“Lo chiamavano Jeeg Robot” è il suo primo esperimento alla regia di lungometraggio. E a quanto pare il suo talento è stato confermato ed è stato riconosciuto dal grande pubblico.
Per partecipare all’incontro è necessario prenotarsi in segreteria entro il 22 marzo. Non mancate.